Chi siamo

Chi siamo

La Rosa di Gerico (Anastatica Hierochuntica) detta anche Fiore della Resurrezione è una umile pianta originaria delle zone desertiche del Medio Oriente e pare sia stata portata in Europa dai Crociati e Pellegrini al loro ritorno dalla Terra Santa. Intorno ad essa sono nate diverse leggende; il suo stesso nome Anastatica, dalla radice greca anastasis cioè "revivescienza" vuole essere proprio un rimando alla particolare caratteristica della pianta, cioè quella di sopravvivere per lunghissimi periodi priva di acqua mantenendo vivi in sè i semi per una vita nuova.

Secondo alcune leggende fu la pianta che dissetò la Madonna durante la sua fuga nel deserto per sfuggire al re Erode. La stessa pianta, vuole un'altra leggenda, pare fiorisse regolarmente al tempo di Gesù Cristo fino al momento della crocifissione quando smise di fiorire e si seccò. Soltanto con la resurrezione le Rose di Gerico tornarono a fiorire e a spargere il loro profumo.

L'Associazione le Rose di Gerico nasce a Città di Castello il 29 maggio 2015. Associazione indipendente, apartitica, senza fine di lucro, ha come obiettivi: la valorizzazione e lo sviluppo del territorio attraverso l'organizzazione di manifestazioni ed eventi promozionali volte alla valorizzazione dell'Alta Valle del Tevere, dei prodotti locali, anche avvalendosi della narrazione e del camminare lento per osservare le bellezze naturalistiche, storiche, culturali e artistiche del territorio; il sostegno e il supporto ai monasteri di clausura presenti nel territorio, alle parrocchie ed agli istituti per anziani ed ai centri di educazione; l'educazione ambientale, lo sviluppo sostenibile, l'escursionismo a piedi e in bike; i progetti educativi in materia ambientale, civica, sociale e ludico-creativo; organizzazione di viaggi turistici culturali e religiosi, in collaborazione con le agenzie turistiche del territorio; l'accoglienza e l'assistenza dei pellegrini che percorrono i cammini francescani, europei, di Santa Veronica Giuliani e della Beata Margherita di Città di Castello, nel proprio territorio ed in quelli limitrofi.